La Bibbia su come fare pubblicità su Facebook

Matteo Martinellisocial network3 Comments

LA PUBBLICITA’ SU FACEBOOK NON AVRA’ PIU’ SEGRETI PER TE

Il titolo sembra già abbastanza chiaro, ma nel caso non l’avessi ancora capito oggi ti parlerò di come utilizzare Facebook in maniera utile e consapevole e nello specifico come fare pubblicità su Facebook con i cosiddetti Ads.

Prima di tutti però vorrei porti un quesito: ti sei già chiesto perché il tuo prodotto o il sito non decolli?
In realtà una spiegazione c’è: perché tu non hai ancora scoperto come risolvere un problema al tuo cliente o visitatore. Già è proprio questo un motivo, se sarai in grado di portare una soluzione o un vantaggio a

chi ti sta dall’altra parte dello schermo avrai fatto bingo!

 

Devi prima di tutto chiederti:

Perché una persona dovrebbe comprare il mio prodotto o trovare il mio sito?

 

Quando avrai risposto a questa domanda ti sarà più chiaro quali sono le pagine più importanti del mio sito

o quali sono i punti di forma del mio prodotto e avrai anche un’idea più chiara del tuo potenziale cliente o visitatore.

Matteo cosa mi interessa di chi è il mio cliente o visitatore?

 

Ti deve interessare invece…sai perché? Perché esiste online una piattaforma di advertising segmentata che racchiude un’utenza media italiana di circa 26.000.000 di persone al mese.

Ti dirò di più: è talmente mirata che puoi scegliere il tuo target a cui proporre il tuo prodotto o servizio in base ad elementi come la scuola frequentata, il ruolo aziendale, gli hobby della domenica, i gusti musicali e così via.

Sicuramente se avrai identificato le persone giuste troverai sicuramente qualcuno che sarà interessato al tuo prodotto e se avrai lanciato il tuo business nel modo corretto avrai un successo assicurato.

 

condividi

Bene, andiamo avanti, mi sa che sei curioso eh…? Sì la piattaforma pubblicitaria di cui ti sto per parlare è proprio facebook. Si, il social network che tu usi solo per farti i fatti degli altri! 🙂 Per cui in questa guida cercherò di riassumere nel modo migliore come fare pubblicità su Facebook e fare delle inserzioni Facebook che funzionino.

QUALI SONO I VANTAGGI DEL FACEBOOK ADVERTISING

  • non spari nel mucchio, vai subito a colpire solamente il gruppo o la nicchia che ti interessa.
  • costa meno: infatti il costo della pubblicità su Facebook è inferiore rispetto a google adwords (per ora…)
  • e quindi garantisce un ROI (ritorno di investimento) maggiore

Moltissimi in realtà pensano che fare pubblicità su facebook non sia difficile, il problema è che non sanno neanche dove cominciare. Bene oggi con questa guida ti porterò a scoprire la facebook advertising dalla A alla Z.

Bene cominciamo subito!

 

STEP 1: IDENTIFICA IL TUO OBIETTIVO E TROVA COSA VUOI PUBBLICIZZARE

Quello che puoi pubblicizzare su Facebook è:

  • una pagina Facebook,
  • un profilo (sponsorizzando i singoli post a tutti gli amici).
  • un sito web,
  • un’applicazione

Come detto prima, anche se fare pubblicità su facebook può sembrare semplice, in realtà creare annunci che catturino l’attenzione dei visitatori non è per nulla banale e sempre più difficile perché la gente viene bombardata di continuo di annunci pubblicitari di tutti i generi e tende quindi a non prestar più loro attenzione. Una cosa invece molto più semplice è mandare in fumo il tuo budget, soprattutto se sei ancora nella fase di lanciare il tuo business.
Nonostante questo aspetto devo dire che rispetto alla piattaforma di Google Adwords, quella di facebook è

  • più efficace perché permette di andare a colpire un target molto più segmentato (anche se ora Google gli assomiglia molto poiché utilizza le informazioni raccolte dal suo social network fantasma: Google+
  • più semplice, soprattutto per quanto riguarda la pubblicità dei singoli post, poiché basta cliccare un pulsante e completare un paio di passaggi
  • più economica, e non di poco, arrivando a spendere anche un decimo nel caso di promozione a nicchie di mercato ancora da scoprire

Se comunque pensi che per te i facebook ads siano comunque piuttosto complicati da creare o configurare o semplicemente non hai tempo per seguirli devi sapere che è anche possibile dare in gestione a terzi il tuo account inserzionista.

 

Ferma ferma Matteo, cos’è un account inserzionista?

 

Ti svelerò un segreto: ogni account personale presente su facebook possiede un account inserzionista parallelo anche se non lo sa e anche se non lo attiverà mai. Infatti la procedura di attivazione dura all’incirca un secondo e mezzo accedendo la prima volta alla pagina: www.facebook.com/ads/manage

 

Quindi come ti ho detto se non ti senti abbastanza preparato oppure non hai tempo per seguire una campagna puoi comunque impostare un utente terzo che gestisca i tuoi ads andando su “impostazioni” dal pannello inserzionista e cliccando su “ruoli dell’account pubblicitario” e cliccando sul pulsante “+ aggiungi utente”.

 

Ora quindi non hai più scuse: tu o altri dovranno iniziare ad usare i facebook ads!

Come ti sembra questo post? Interessante? Se pensi che questo articolo ti possa essere utile perché non clicchi uno dei pulsanti i qui in basso…? A te non costerebbe nessuna fatica, ma mi aiuterebbe immensamente!

 

Bene, ora che abbiamo aperto le danze devi definire forse l’elemento centrale della tua campagna pubblicitaria: il tuo OBIETTIVO!

Ti propongo degli esempi:

  • devi aumentare il numero di “mi piace” alla tua pagina?
  • Devi mettere in evidenza un post?
  • Devi pubblicizzare un’offerta? Il tuo sito?

scelta obiettivi pubblicità facebook

Da poco è stata inoltra introdotta la possibilità di comprare pubblicità suFacebook ads goals
Facebook con nuovi obiettivi come quelli di:

  •  lead generation” ovvero di aumentare il numero di contatti (di solito indirizzi email)
  • aumentare la visibilità di un’attività commerciale (local awereness) che si trovi nella zona in cui si trova anche l’utente Facebook (una nuova possibilità per bar, locali, negozi, cinema ecc.

 

 

STEP 2: DEFINIZIONE DEL PUBBLICO TARGET

Il secondo aspetto che dovrai definire sarà il tuo target. Questo viene fatto con la cosiddetta segmentazione, creando dei veri e propri “gruppi di destinatari salvati” che saranno profilati in base alle caratteristiche più disparate. Se poi salverai il particolare gruppo di pubblico con quelle caratteristiche specifiche potrai poi recuperarli subito quando ne avrai bisogno senza perdere tempo. Sarai quindi molto più veloce e preciso.

Per far questo dovrai andare nel tuo account inserzionista e cliccare su “pubblico/audience” nel menu verticale a sinistra. Poi ti si aprirà una pagina in inglese dove dovrai cliccare su “Crea un gruppo di destinatari salvato”.

crea-pubblico-salvato

 

Ricordati questo passaggio importante se vorrai incominciare a fare regolarmente advertising su facebook.

 

Quindi quando avrai creato il tuo gruppo targettizato dovrai selezionarlo e cliccare il pulsante in alto a destro “create ad” che sarà diretto solo a loro. Solo così potrai avere i migliori risultati al minor prezzo.

Ti svelerò un altro segreto: ovviamente un gruppo di utenti targetizzato porterà sicuramente risultati migliori rispetto a un segmento di pubblico generico, ma coloro che effettivamente generano tassi di ROI davvero con percentuali sostanziali sono i target che già conoscono te o i tuoi prodotti o il tuo sito. Se hai inoltre un database di newletter potrai incrociare quegli indirizzi agli utenti registrati a facebook con lo stesso indirizzo della newsletter e potrai quindi avere un pubblico altamente profilato che sarà anche più predisposto ad acquistare qualcosa da te.

Seguendo questo ragionamento puoi anche pensare di creare dei post diretti solamente al target che conosce già la tua pagina fan o ha già visitato il tuo sito web, in modo da generare un senso di fiducia e migliorare la relazione con essi. Questa opzione è fattibile nel caso tu abbia una pagina fan ed è molto semplice da impostare perché dovrai solo scegliere come target il pubblico che è già fan della tua pagina. Mentre per creare una selezione di pubblico che ha già visitato il tuo sito dovrai applicare la cosiddetta tecnica del REMARKETING sfruttando i famosi cookie. Attraverso un codice script o “pixel del pubblico personalizzato” (o custom audience pixel), che ti verrà fornito da facebook durante la creazione della campagna (simile a quello di google analytics), dovrai inserirlo all’interno del tuo sito e ti permetterà di tracciare chi effettivamente ha visitato il tuo sito e che quindi conoscerà già i tuoi prodotti e servizi e che probabilmente sarà più predisposto ad acquistarli. Questo processo è detto retargeting ed ha un ROI tra i più alti nelle campagne facebook perciò vale la pena testarlo.

Se sei a corto di idee e sei arrivato a un livello di segmentazione a livelli di indagini della CIA allora è venuta l’ora di utilizzare una delle ultime funzionalità in fatto di profilazione ovvero quella della scelta del “pubblico simile”, tra le funzionalità più potente per aziende e professionisti che vogliono lavorare su Facebook. Essa consiste in pratica in uno strumento che, partendo da un database di utenti (fan di una pagina facebook o visitatori di un sito web o un insieme di indirizzi email, numeri di telefono o ID utenti), individua un nuovo target di persone che è più o meno simile in termini di stesse caratteristiche e interessi condivisi su Facebook.

Pensa al potenziale di questo strumento: ora potrai trovare clienti simili a quelli attuali, fan simili a quelli attuali o qualsiasi altro gruppo di persone simili al gruppo già individuato.

Prima di creare un pubblico simile occorre avere un gruppo target iniziale su cui basarsi, che può provenire da:

  1. Un database di indirizzi email
  2. Un database di numeri di telefono.
  3. Un insieme di codici ID personali identificativi
  4. Un insieme di visitatori del sito web. individuati attraverso la tecnica che ho appena descritto del remarketing
  5. Le conversioni in un sito web utilizzando anche qui un pixel di conversione (simile a quello di remarketing) è possibile tracciare gli utenti che svolgono un’azione specifica come ad esempio compiere una call-to-action o completano l’acquisto ecc.
  6. I fan di una pagina.

Per creare un pubblico simile basta cliccare sullo strumento di gestione del pubblico e scegliere “crea un pubblico simile” e boom! Easy no?

 

STEP 3: DEFINIZIONE DEL BUDGET

(Quanto costano le inserzioni su Facebook)

Il prossimo step è la definizione del budget e della durata di pubblicazione dell’annuncio o della campagna. Partiamo dall’impostare il budget: prima di tutto ti consiglio di partire con un budget iniziale di test che può essere di € 1-2 al giorno. So che può sembrare irrisorio, ma su Facebook questo è un budget che seppur minimo può già generare dei discreti risultati. Considera che un costo medio B2C ovvero business to consumer può aggirarsi intorno a € 0,05 ad inserzione e B2B ovvero business to business può essere di € 0,30 ad inserzione. Quindi non ti preoccupare che il denaro a disposizione sia troppo poco, poi quando vedrai che i risultati arriveranno a camionate potrai sempre comprare pubblicità su Facebook sempre di più.

in business start small and grow big Condividi il Tweet

Bene ora che abbiamo capito un po’ più di definizione del budget ora vediamo quali sono le opzioni di durata degli ads. Puoi decidere se lasciare andare avanti la tua campagna all’infinito fino a quando non la fermerai tu, ma a mio parere questa possibilità seppure con bassi costi potrebbe incidere senza che tu ne abbia un reale controllo perché potresti dimenticartene. Invece ti consiglierei di impostare il periodo di durata, magari anche per 2 o 3 mesi, così non devi essere sempre lì a controllare.

 

Andando un po’ più sul tecnico, le possibilità di settaggio di una campagna di pubblicità su Facebook sono queste:

  • CPM che sta per “costo per mille visualizzazioni”, impostabile manualmente
  • CPM ottimizzato: Facebook sceglie e ottimizza per noi il costo per mille visualizzazioni in base all’azione dell’offerta che ho scelto (ad es. l’iscrizione ad una newsletter, l’acquisto di un prodotto, o il download di un file). Sì ma perché si chiama ottimizzato? Perché Facebook conoscendo i nostri comportamenti online e sapendo chi di noi completa di solito quell’azione desiderata, proporrà l’annuncio solo al target scelto in fase di creazione della campagna pubblicitaria che però compirà con maggiore probabilità l’azione richiesta.
  • CPA che sta per “costo per azione” e corrisponde al costo che siamo disposti a pagare per l’azione richiesta come ad es. l’aumento dei mi piace ad una pagina, l’iscrizione a dei form, l’aumento di partecipazioni ad un evento, l’incremento di installazioni di un’applicazione, le conversioni ad un sito web. In questo caso però rispetto al CPM ottimizzato sono io a scegliere l’importo massimo da pagare per l’azione, ovviamente in base al ritorno d’investimento che mi attenderò dal compimento dell’azione richiesta. Anche in questo caso Facebook mostrerà l’inserzione alle sole persone che con maggiore probabilità eseguiranno l’azione richiesta
  • CPC che sta per “costo per click” e indica il costo massimo per click dell’utente quando clicca sull’inserzione.

 

Aiuto Matteo, con sti CPM, CPC, CPA non so più quale scegliere…

 

Di norma il CPM ottimizzato è la scelta migliore, che può successivamente trasformarsi in un CPA ad importo definito, dopo aver analizzato i report per raggiungere il ROI (ritorno d’investimento) desiderato.

 

Se, come probabile, creerai la tua prima inserzione dovrai definire le modalità di pagamento tra quelle disponibili (le più utilizzate sono la carta di credito e paypal).

Ok questi erano i 3 step principali per impostare una campagna di Facebook advertising. Ora che hai capito la teoria, vediamo come i passaggi si svolgono concretamente. Se tu vuoi promuovere un annuncio su facebook puoi scegliere tra le seguenti OPZIONI DI SPONSORIZZAZIONE:

  1. mettere in evidenza i singoli post direttamente dalla propria bacheca
  2. utilizzare il pannello “Inserzioni” o Ads Manager
  3. utilizzare il “Power Editor
  4. utilizzare Facebook Business Manager

 

1. METTERE IN EVIDENZA UN POST

Se già gestisci una pagina facebook avrai notato che in fondo ad ogni tuo post è presente un tasto blu con scritto sopra “Metti in evidenza”. Cliccaci su sopra tranquillamente, non ti verrà prelevato un centesimo, ma vedrai un’anteprima del post sponsorizzato sulla sinistra, mentre sulla destra troverai dei parametri elementari di configurazione della tua campagna:

  • l’identificazione del pubblico a cui ti vuoi rivolgere con la tua campagna
  • il budget di spesa che vuoi investire nella tua campagna
  • la durata della campagna

 

Bene quando avrai definito tutte le opzioni del settaggio del post cliccherai il tasto blu in fondo a destra verrà lanciata la campagna che se approvata, apparirà su facebook e solo a questo punto ti verrà poi addebitata.
Diciamocela tutta però, francamente questa è la gallinella dalle uova d’oro di Zuckerberg, perché essendo la funzionalità abbastanza semplice e poco personalizzabile (e una volta lo era ancora meno) questo tipo di opzione di sponsorizzazione è un ottimo modo per bruciare il tuo denaro, perché la pubblicità può essere rivolta solo ai fan ed ai loro amici o a destinatari scelti con minime possibilità di profilazione (al contrario delle metodologie che vedremo fra poco). In più la durata che si può scegliere va solo da 1 a 7 giorni, tempo durante il quale il post verrà mostrato come “post consigliato” nella bacheca degli utenti targettizzati.

 

2. UTILIZZARE IL PANNELLO INSERZIONI

Ok, ora che alcuni concetti sono stati spiegati e incominci a capire quali sono le dinamiche, approfondiamo il metodo per ottimizzare i nostri annunci per avere la massima resa possibile alla minor spesa.

Il pannello inserzioni è il tool base per gestire annunci e campagne facebook e permette anche di gestire più account pubblicitari. Inoltre l’Ads Manager permette di utilizzare alcune funzionalità avanzate come:

  • la definizione di pubblici personalizzati,
  • la configurazione di pixel di conversione per campagne di retargeting
  • visualizzare report dell’andamento delle campagne

Vai alla pagina https://www.facebook.com/ads/manage/ qui, come ti dicevo prima, verrà automaticamente configurato il tuo account inserzionista e dovrai definire alcune informazioni come l’obiettivo della campagna, la definizione della tua audience in base a dati demografici, geografici, di interessi e comportamenti. Anche qui dovrai definire budget e durata ma senza limitazioni specifiche. Terminato questo processo e lanciato la campagna ti troverai ad avere una schermata riassuntiva tipo questa:

ads manager

Il vero trucchetto per avere un ROI maggiore con l’ads manager è quello di sponsorizzare il post direttamente dall’ads manager in modo da avere più parametri per la configurazione del target. Clicca su “Strumenti” nella barra orizzontale in alto e seleziona “Pubblico/audience”.

Se avrai già creato un segmento di pubblico personalizzato potrai velocizzare il processo, altrimenti puoi sempre scegliere di crearne uno nuovo cliccando il tasto blu sulla sinistra. Bene, ora che hai selezionato il tuo pubblico target clicca il tasto verde “create ad” e seleziona in questo caso la prima voce “metti in evidenza i tuoi post”. Così facendo potrai di conseguenza spendere anche meno perché i tuoi annunci essendo più ottimizzati, performeranno di conseguenza meglio a parità di spesa.

 

 

3. POWER EDITOR + 4. FACEBOOK BUSINESS MANAGER

[sociallocker]

3. POWER EDITOR

Il Power Editor è lo strumento ideale per fare pubblicità su Facebook. Lo potete trovare a https://www.facebook.com/ads/manage/powereditor e oltre alle classiche funzionalità del pannello inserzioni, permette anche di:

  • lavorare in locale: creare post e inserzioni anche senza essere connessi ad internet;
  • creare ads direttamente dal power editor senza essere passare dalla pagina
  • personalizzare al massimo le inserzioni: dalle modalità di visualizzazione su diversi dispositivi all’aspetto di ogni tipo di inserzione;
  • creare “ghost post”, ovvero post non pubblicati e utilizzabili solo per le inserzioni.
  • ora è possibile gestire anche gli ads di instagram associando il proprio account instagram.

Instagram Ads in Power Editor

 

4. FACEBOOK BUSINESS MANAGER

Facebook Business Manager è il vero strumento professionale della gestione di campagne pubblicitarie su facebook per aziende e organizzazioni di online advertising. L’indirizzo per accedervi è  http://business.facebook.com/

Dal pannello di controllo principale (o dashboard) sarà possibile:

  • visualizzare e gestire tutte le pagine collegate all’account
  • pubblicare, gestire gli account e i ruoli di amministrazione della pagina e commentare ed agire su facebook come vero e proprio utente anche se in realtà è una “pagina” a tutti gli effetti.
  • è possibile associare delle applicazioni, gestire i metodi di pagamento, e creare progetti e collaborare con agenize esterne.

A meno che tu non abbia una buona esperienza ti consiglierei di utilizzare l’Ads Manager invece degli ultimi 2 strumenti per evitare tu rimanga traumatizzato 🙂 Infatti il Power Editor e il Facebook business manager assomigliano molto alla piattaforma di google adwords in termini di complessità, perciò il buon vecchio “Pannello Inserzioni” andrà più che bene, almeno per i primi passi.

[/sociallocker]

COME SI STRUTTURA LA PUBBLICITA’ SU FACEBOOK?

La pubblicità su facebook si struttura in 3 categorie o livelli:

  1. Campagna: è il “cappello” che raccoglie tutte le successive sotto-categorie e differisce da ogni altra campagna in base all’obiettivo che è stato impostato come ad esempio “aumentare la fan base di una pagina aziendale o le visite ad un sito ecc. Ciascuno di essi avrà un obiettivo e quindi una campagna differente.
  2. Gruppo di inserzioni (Ad set): all’interno di una campagna è possibile creare uno o più gruppi di inserzioni e scegliere per ognuno di essi dei parametri diversi per ogni gruppo come target diversi, budget ecc.
  3. Inserzioni (Ads): Ogni gruppo di inserzioni può contenere al suo interno una o più inserzioni. Ciò che può variare per ogni inserzione è la sola creatività, ovvero come si presenta il post come ad esempio il link, l’immagine o il testo utilizzati nell’inserzione.

 

Ecco un riassunto visivo di ciò che è possibile settare in ciascun livello della piramide:

Obiettivo

 

Bene ora non mi resta altro che darti gli ultimi CONSIGLI SUL CONTENUTO DEGLI ANNUNCI:

 

  • crea contenuti che facciano davvero la differenza con temi interessanti che possano portare un reale vantaggio o che possano risolvere un problema del lettore inserendo però anche un senso di urgenza con un termine di scadenza per ciò che promuovi. Questo farà schizzare in alto l’engagement e il CTR (click-through-rate) ovvero il tasso di click perché la gente non vorrà perdere l’occasione che hai proposto loro.
  • all’interno delle immagini un breve messaggio fa aumentare il CTR considerevolmente, ricorda però che il testo non può occupare più del 20% dello spazio riservato all’immagine. Ovviamente le immagini dovranno essere pertinenti con il testo dell’annuncio altrimenti non ci saranno dei risultati soddisfacenti

 

 

CONDIVIDI 2

Cosa ne pensi di questo articolo? C’è qualcosa che non hai capito o c’è un argomento che ti piacerebbe che approfondissi? Scrivimelo nel box di Disqus dei commenti.

Se hai  letto fin qua ti ringrazio davvero e se sei interessato a questi argomenti ricordati di iscriverti alla newsletter nel box qua in basso.

clicca qui sotto per scaricare questa guida in pdf

Alla prossima puntata 😉

Matteo

(Numero totale di visite: 3.419)
Matteo Martinelli
Classe 1984 e cresciuto a Trento dove vive tutt’ora, appassionato della tecnologia del mondo digitale, della creatività e delle strategie di marketing, ma anche profondo cultore delle lingue straniere.
Per i più curiosi il profilo LinkedIn sarà sicuramente più chiaro ed esaustivo.